E il popolo scopri l’oro.. ma lo disse la banca d’Italia.

Ho visto la trasmissione di Piero Angela di Quark, tutto bello vedere che se ne interessano anche le TV controllate.. Iniziano con mostrare il cavò della banca d’italia, il bitcoin si mostra sempre con la moneta gadget, tanto per attirare con la psicologia.. si sà. Ed all’inizio è tutto materiale per il popolo.. mi sta anche bene.

Ma non mi dite che il vice direttore banca d’italia sia in buona fede.. naturalmente come dico spesso non c’è lo con l’essere umano.. ma con il ruolo del vice direttore si. Una persona che cresce di coscienza e si accorge che le cose che fà non sono più in coerenza con il proprio essere umano, vuol dire che è un ladro.

Ci hanno detto che la banca d’italia era un istituto pubblico .. e non lo è mai stato. Ci hanno raccontato che Internet nel 1994 era un covo di pedofili.. e non lo era. Ci hanno raccontato che il Bitcoin serve per vendere droga e armi e non lo è. Insomma credono che siamo stupidi?

Passato il tempo in cui l’oro serviva alla gente, adesso è diventato arma di scambio per le guerre, passato il tempo in cui si credeva ai leader politici, adesso sono diventati dei mafiosi.. Insomma sappiamo benissimo che dentro ognuno di noi vi è un “lato oscuro della forza” 🙂 Ma per favore sviluppiamo il “lato bello della forza”, quello che fa di noi il meglio per l’Evoluzione.

Tutti sbagliamo, basta chiedere scusa e accettare la fantastica innovazione umana che è il Bitcoin.

Nella Trasmissione si dice che nella banca d’italia non si perde un euro.. magari crederci, ma in realtà non si perde un euro perché non sono del popolo, sono dei potenti della BCE che se se ne accorgono sono guai per gli impiegati.

L’euro mantiene il prezzo stabile, mica tanto. Il numerino scritto su è lo stesso ma il valore cala sempre di più e compri meno cibo, serve a creare la povertà per il controllo del popolo con l’inflazione.

Si impone come moneta (valuta Fiat) a corso forzoso, sei obbligato ad usarla, del bitcoin che è una moneta volontaria si è creato fiducia dal popolo come lo è stato per l’oro. Mentre la fiducia nell’euro o Lira di allora è stata presa da un Governo o Re o Repubblica, finché loro si comportano in maniera etica tutto funziona, il popolo si fida e loro controllano l’Autority Economica, ma se vivi nella tua città e le cose non vanno bene.. allora devi toglierli la fiducia.. ma non puoi con la moneta a corso forzoso.

Paragona il bitcoin al casinò.. o peggio, ma scherziamo? Ma si vergogni.. Sempre meglio che avere la roulette truccata dal Banco..d’italia.

Studiate .. è vero.. ma non dalle informazioni che da uno Stato che non funziona.

Alessandro Valerio “cocioale”

Bitcoin e il cambiamento Ted-Don Tapscott

Quante volte si mette l’avviso di stare attenti a non investire in cose che non si conoscono. Vabbè consoliamoci con Don Tapscott, Assolutamente da vedere il suo intervento in Ted, utile comprendere il cambio di paradigma che avviene nel mondo.

Ve lo sta dicendo Cocioale (io) da 7 anni.. ma non ho fretta 🙂

www.alessandrovalerio.com
www.bitcointrieste.com
www.twimt.com

Evolution Trainer – Spiritualità ed Economia – Bitcoin e Blockchain
Bitcoin Condivideovisioni Ted Don Tapscott Blockchain 20180716

Astinenza dall’Euro

Voglio parlarvi della mia Astinenza dall’Euro e Pos gratuito per i primi commercianti. Chissà se si danno una mossa visto che adesso lo approva anche la Comunità Europea.

Non è facile commerciare come una volta quando trattavi sulla gallina da scambiare per una cassetta di pomodori, adesso sono tutti legati alla valuta del loro paese. Non riescono a capire che loro sicurezza porta ad una mancanza di libertà. Vedi: Cashflow Club Trieste e quello che dice RichDad.

Non è vero che i negozi non vogliono spendere 300 euro per mettere un Pos, soltanto non sanno quali sono i benefici, ne spenderebbero anche 3000 euro pur di uscire dal circuito bancario.

Educazione finanziaria a scuola

Da un po di tempo.. diciamo 3 anni, cerco di inserire nelle scuole italiane la formazione al gioco di Robert Kiyosaki, cashflow 101, utile ad imparare l’educazione finanziaria, basilare anche per la semplice gestione dell’economia personale e della famiglia, io lo insegno da 4 anni e a Trieste lo promuovo con la mia associazione Twimt, creando il Cashflow Club Trieste.
Lo so che ci sono le norme burocratiche da superare.. ma un pò di buon senso basterebbe, sono cose utilissime per i ragazzi che un giorno gestiranno famiglia e azienda, ed imparare giocando è il miglior modo.. si sà, emotivamente si apprende meglio con l’emisfero creativo del cervello, lo si vede dalla capacità delle donne Triestine 😉
Ho scoperto che a Roma ci sono riusciti.. Braviii.! vi allego un documento di una società che è riuscita a fare delle sessioni di gioco in una scuola.
Qui lancio un appello a chi è nell’ambito scolastico di Trieste, di inserirlo come proposta agli istituti scolastici della nostra città, mi propongo come facilitatore per i docenti e gli studenti che volessero migliorare la loro Intelligenza Finanziaria.. e i loro portafogli.!

Alessandro Valerio – Cocioale

Go to School

In questo video Robert parla di come la scuola non insegna come funziona il denaro e non conoscere come funziona il denaro non ti fa diventare ricco.

Andare a scuola riduce la tua abilità nella finanza. Dire vai a scuola e prendi un buon lavoro funzionava tempo fa.. adesso non più.

Essere sgridati perche si parlava tra i banchi per il padre povero è spiare, mentre per il padre ricco è cooperare, come vedete ci sono differenti punti di vista. 🙂

Spiare i studenti tra i banchi lo ha aiutato nella vita ad districarsi nella finanza.

Ci consiglia un libro utile da leggere, che spiega come gli insegnanti quando fanno il loro lavoro con il cuore avvengono meno suicidi e gli studenti sono meno depressi.

Abbiamo un socio latente che è lo Stato, perché è negativo?

Ho visto stamane un video di Robert che parlava bene del “socio latente” che è lo Stato, una frase che sento spesso dire quando si vuole parlare male di un socio che siamo obbligati ad avere, che non ti facilità la prosperità nella tua azienda, anzi sembra proprio un mafioso che ti chiede il pizzo.

Mi ha fatto vedere una diversa prospettiva, dai quadranti di sinistra dove vi è il Dipendente e l’Autonomo il ragionamento è giusto perché si “lavora per il denaro” e lo Stato non ti vede come uno che lo aiuta, non crei lavoro e pretendi che il Sistema ti aiuti ad essere sicuro nel tuo lavoro.

Invece nei quadranti di destra, dove il “denaro lavora per te” stai aiutando tu lo Stato creando posti di lavoro e sostenibilità, togli la preoccupazione al Sistema di creare case popolari, posti di lavoro e far funzionare l’economia.

E’ stato illuminante 🙂 (Stato?)

Forse è un punto di vista positivo.. la bilancia pende tra la “Sicurezza del posto di lavoro” o la “Libertà dal posto di lavoro”.. pensateci.

Alessandro

Criptovalute e Modernità, sono arrivati gli intellettualoidi.

Criptovalute e Modernità, sono arrivati gli intellettualoidi, articolo interessante per capire quanto non si capisce niente. Ogni “esperto” parla a modo suo con il suo linguaggio. Rispetto le opinioni di tutti, quello che vale è la realtà dell’evoluzione. Il Bitcoin è virtuale.. ma tutti lo usano sempre di più.. che strano.

Alessandro Valerio
cocioale@gmail.com
www.alessandrovalerio.com