Transazioni di fiducia

Come si fa ad aver fiducia del fiduciante? Si può dire fiduciante? Intendo il terzo che ci mantiene il valore finché noi due attori non confermiamo che siamo d’accordo. Chi diceva : “chi controlla il controllore?”

Poniamo che noi due abbiamo fiducia del terzo, tutto funziona finché lui non scappa con i soldi, ovvero se vuole continuare a prendersi il suo compenso oppure a scappare con il capitale.. quindi questa terza persona diventa qualcuno con un potere enorme, fin quando le assicurazioni, gli escrow o i notai erano persone etiche funzionava.

Ma sta funzionando ancora? Mica tanto, le assicurazioni non sempre pagano, tanto riassicurandosi sono come le Banche, si autoinventano il denaro, gli escrow scappano o sono tartassati dalle leggi, i notai si attengono a leggi che non funzionano perchè si sovrappongono al buon senso.

Ci auguriamo solo che il buon Satoshi che ci ha lasciato la palla della decentralizzazione sulla Bockchain ci mandi un “segnale” del tipo.. “che il Bitcoin sia con voi”.. Di sicuro io sono fiducioso visto che uso uno “strumento” chiamato Evoluzione.

Fatemi sapere i vostri commenti e se vi piace divulgate.. il verbo.

Alessandro “cocioale”

www.alessandrovalerio.com

Trieste Crypto Liberata..

La Politica che brutta parola, se d’ora in poi la chiamiamo Polis? Andiamo al corteo del 15 settembre 2018.. si certo anche alla sagra, però quando si tratta di responsabilità e di mettersi in gioco tiriamo il culo indietro.. che ipocriti che siamo.

Fanno bene a fregarci con l’euro.. se non siamo coraggiosi allora è giusto che comandi J.P. Morgan.

Sembra brutto dire che le vittime se la sono voluta, ma purtroppo è così, dove c’è un carnefice c’è sempre una vittima, è il gioco della dualità che siamo venuti a fare in questo piano fisico.. ne parlo nel mio ultimo libro “Evoluzione Spirituale”

Se ci fosse un pò di educazione non si rovinerebbe una pineta cosi bella e utile per stare in serenità vicino al mare, ma le cicche e la sporcizzia dilaga nella etica delle persone che non trovano qualcosa di utile da fare quando vengono a fare il loro viaggio che si chiama vita.

Sento degli amici che mi dicono vado in Politica perche si guadagna, ovvero si ruba facilmente.. facile no.. ma legalmente si. Strano che adesso le leggi non difendano più il derubato, ma soltanto chi ha gli amici mafiosi nel girone del ?.. sapete che non riesco e piazzarli in un girone? forse l’ottavo.. vedete voi.

Una soluzione? si cè, è studiare (non solo a scuola) per questo mi dedico alla formazione. Che sia Economica o Spirituale, basta che sia in questa vita.

Alessandro

 

Facebook sta morendo

Facebook continua a chiedermi di mettere in evidenza.. se cerca soldi o è avida o è in crisi.. tutto muore prima o poi, per fortuna che l’evoluzione no. Mi ricorda quando un network mette la pubblicità in maniera tradizionale.. vuol dire che il passaparola non funziona piu?

Dopo che le Banche e le Istituzioni dicevano “non comprate i bitcoin, sono per i delinquenti” mentre li compravano loro.. e dopo i balordi delle ICO scamcoin gli imbroglioni tradizionali.. adesso ci si mette anche FB che prima vieta i post e poi li regolamentizza con la sua burocrazia, potrebbe anche essere giusto evitare i post dei balordi imbroglioni, ma alla fine buttano via il bambino con l’acqua sporca.

C’è da studiare il motivo? no, non credo.. vogliono soldi, l’essere umano è strano, non comprende che i soldi sono un derivato. è l’elementale creato da noi vuole sopravvivere.. in denaro vive di vita sua.. finchè non arrivò il Bitcoin creando un nuovo paradigma.

Alessandro Valerio “cocioale”

Sovranaggio si può usare?

Dopo il terzo invio da parte di amici di un post sull’intervista di ByoBlu del Paolo Maddalena Emerito della Corte Costituzionale, mi sono deciso di vidoecondividere.. Insomma tutte queste persone che sanno tante cose.. fanno qualcosa per migliorare la comunità?

Si parla sempre male degli altri, non conosco Paolo e penso che sia una persona colta, non giudico l’essere umano che è degno come lo spazzino, ma essere troppo colti può creare dipendenze? Penso proprio di si.

Sul vocabolario forse non ci sarà la parola “Sovranismo” ma anche tante altre che usiamo correntemente e che si fanno capire benissimo nella vita quotidiana.. cosa che nei paroloni della Corte Costituzionale non credo proprio, scusatemi l’ardire anche se non sono mai stato a Corte.

Basta vedere la parola comunicazione che si usa arbitrariamente per far capire che si sta comunicando a Popolo che oramai non è più sovrano quelle che sono delle informazioni soltanto e anche poco credibili. Infatti sono informazioni e Comunicare è tutta un altra cosa, quando comunichi vuol dire che gli altri hanno capito cosa hai detto, anche se poi la interpretano a modo loro. Un po come dovrebbe fare l’insegante che spiega, ma poi deve capire se tu hai capito.. se no ti sta solo inviando informazioni.. che il Popolo orami prende per vere.

Penso che Sovrano sia riamasto solo il Monarca, il Popolo è stato orami abbindolato da un “Padre Padrone” che non si è ancora accorto che Internet e la Blockchain sta educando meglio la popolazione mondiale.

Condivideovisione della sovranità.. è meglio della decentralizzazione della Blockchain? @cocioale @bitcointrieste @twimt

Alessandro

E il popolo scopri l’oro.. ma lo disse la banca d’Italia.

Ho visto la trasmissione di Piero Angela di Quark, tutto bello vedere che se ne interessano anche le TV controllate.. Iniziano con mostrare il cavò della banca d’italia, il bitcoin si mostra sempre con la moneta gadget, tanto per attirare con la psicologia.. si sà. Ed all’inizio è tutto materiale per il popolo.. mi sta anche bene.

Ma non mi dite che il vice direttore banca d’italia sia in buona fede.. naturalmente come dico spesso non c’è lo con l’essere umano.. ma con il ruolo del vice direttore si. Una persona che cresce di coscienza e si accorge che le cose che fà non sono più in coerenza con il proprio essere umano, vuol dire che è un ladro.

Ci hanno detto che la banca d’italia era un istituto pubblico .. e non lo è mai stato. Ci hanno raccontato che Internet nel 1994 era un covo di pedofili.. e non lo era. Ci hanno raccontato che il Bitcoin serve per vendere droga e armi e non lo è. Insomma credono che siamo stupidi?

Passato il tempo in cui l’oro serviva alla gente, adesso è diventato arma di scambio per le guerre, passato il tempo in cui si credeva ai leader politici, adesso sono diventati dei mafiosi.. Insomma sappiamo benissimo che dentro ognuno di noi vi è un “lato oscuro della forza” 🙂 Ma per favore sviluppiamo il “lato bello della forza”, quello che fa di noi il meglio per l’Evoluzione.

Tutti sbagliamo, basta chiedere scusa e accettare la fantastica innovazione umana che è il Bitcoin.

Nella Trasmissione si dice che nella banca d’italia non si perde un euro.. magari crederci, ma in realtà non si perde un euro perché non sono del popolo, sono dei potenti della BCE che se se ne accorgono sono guai per gli impiegati.

L’euro mantiene il prezzo stabile, mica tanto. Il numerino scritto su è lo stesso ma il valore cala sempre di più e compri meno cibo, serve a creare la povertà per il controllo del popolo con l’inflazione.

Si impone come moneta (valuta Fiat) a corso forzoso, sei obbligato ad usarla, del bitcoin che è una moneta volontaria si è creato fiducia dal popolo come lo è stato per l’oro. Mentre la fiducia nell’euro o Lira di allora è stata presa da un Governo o Re o Repubblica, finché loro si comportano in maniera etica tutto funziona, il popolo si fida e loro controllano l’Autority Economica, ma se vivi nella tua città e le cose non vanno bene.. allora devi toglierli la fiducia.. ma non puoi con la moneta a corso forzoso.

Paragona il bitcoin al casinò.. o peggio, ma scherziamo? Ma si vergogni.. Sempre meglio che avere la roulette truccata dal Banco..d’italia.

Studiate .. è vero.. ma non dalle informazioni che da uno Stato che non funziona.

Alessandro Valerio “cocioale”

Go to School

In questo video Robert parla di come la scuola non insegna come funziona il denaro e non conoscere come funziona il denaro non ti fa diventare ricco.

Andare a scuola riduce la tua abilità nella finanza. Dire vai a scuola e prendi un buon lavoro funzionava tempo fa.. adesso non più.

Essere sgridati perche si parlava tra i banchi per il padre povero è spiare, mentre per il padre ricco è cooperare, come vedete ci sono differenti punti di vista. 🙂

Spiare i studenti tra i banchi lo ha aiutato nella vita ad districarsi nella finanza.

Ci consiglia un libro utile da leggere, che spiega come gli insegnanti quando fanno il loro lavoro con il cuore avvengono meno suicidi e gli studenti sono meno depressi.

Abbiamo un socio latente che è lo Stato, perché è negativo?

Ho visto stamane un video di Robert che parlava bene del “socio latente” che è lo Stato, una frase che sento spesso dire quando si vuole parlare male di un socio che siamo obbligati ad avere, che non ti facilità la prosperità nella tua azienda, anzi sembra proprio un mafioso che ti chiede il pizzo.

Mi ha fatto vedere una diversa prospettiva, dai quadranti di sinistra dove vi è il Dipendente e l’Autonomo il ragionamento è giusto perché si “lavora per il denaro” e lo Stato non ti vede come uno che lo aiuta, non crei lavoro e pretendi che il Sistema ti aiuti ad essere sicuro nel tuo lavoro.

Invece nei quadranti di destra, dove il “denaro lavora per te” stai aiutando tu lo Stato creando posti di lavoro e sostenibilità, togli la preoccupazione al Sistema di creare case popolari, posti di lavoro e far funzionare l’economia.

E’ stato illuminante 🙂 (Stato?)

Forse è un punto di vista positivo.. la bilancia pende tra la “Sicurezza del posto di lavoro” o la “Libertà dal posto di lavoro”.. pensateci.

Alessandro

Sovrano è il Popolo

Sto vedendo degli articoli che riprendono un argomento a me caro. Visto l’impossibilità di far ragionare un gruppo di persone che organizzano le regole amministrative, bisogna a mio avviso rieducare le persone, il singolo le capisce, invece un gruppo che si adatta alla “regola” (orami inutile è oppressiva) non si riesce a modificarlo, bisogna “distruggerlo”.

Su questo argomento arriva alla mia attenzione una frase che non conoscevo della costituzione italiana,

“Quando i poteri pubblici violino le libertà fondamentali ed i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è diritto e dovere del cittadino” Art. 50″

 

Risultati immagini per costituzione americana

Anche nella costituzione Americana dopo l’oppressione dei reali inglesi (ovviamente per denaro) capirono che il popolo doveva poter difendersi dalle dittature del governo e dalle “regole” senza “Buon Senso”.

In seguito questo art.50  fu modificato, abolendo quella frase proprio dalle persone che dovrebbero difenderci, vi metto dei link qui sotto:

https://irradiazioni.wordpress.com/2012/03/03/diritto-alla-ribellione-larticolo-scomparso-dalla-nostra-costituzione/

http://www.uonna.it/diritto-di-resistenza-nella-costituzione-italiana.htm

http://www.nascitacostituzione.it/02p1/04t4/054/index.htm?art054-011.htm&2

Interessante video della riunione di una associazione si Sassari.

https://www.youtube.com/watch?v=Snpq7VqMqcU

 

Non vi proccupate, cambiare si può, lo farà comunque l’Evoluzione.

Alessandro Valerio “Cocioale” – Evolution Trainer

L’Economia Attuale è una Truffa Legalizzata

La questione economica è diventata il centro di ogni interesse politico e mediatico. Tutto, ormai, ruota attorno all’informazione economica e al molok del famigerato “debito pubblico”, cioè il debito che un intero stato contrae con un terzo a fronte di un prestito di danaro, solitamente un’istituzione bancaria a partecipazione privata, tipo la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, la Federal Reserve e la Banca Centrale Europea.

Se un governo ha la facoltà di emettere moneta per conto proprio, perchè normalmente chiede in prestito i soldi di cui ha bisogno, gravati con un tasso di interesse e determinando un indebitamento nei confronti di un terzo?

La questione nasce nel momento in cui i governi occidentali hanno ceduto la facoltà di creare la moneta ai banchieri, i quali, sotto le mentite spoglie di istituti di diritto pubblico (cioè di proprietà dei cittadini), hanno creato le cosiddette Banche Centrali, istituti bancari che, grazie ad un gioco di scatole cinesi, sono di proprietà privata.

Per esempio, l’azionariato della BCE è composto dalle Banche Centrali sia dei paesi dell’area euro, che da altri stati. Se però andiamo a vedere chi sono gli azionisti delle Banche Centrali Nazionali, scopriamo una serie di istituti bancari privati che di “diritto pubblico” non hanno proprio nulla.

Nel caso dell’Italia, l’azionariato della Banca d’Italia, uno dei maggiori soci della BCE, è composto da istituti di credito che hanno come oggetto sociale il profitto e non il bene della comunità nazionale.

Ciò significa che ogni volta che la BCE presta denaro all’Italia, l’interesse applicato al prestito servirà a creare un utile che verrà diviso tra i vari azionisti. Ecco, allora, che una parte delle tasse pagate al governo servirà ad arricchire i banchieri che partecipano al capitale delle Banche Centrali. Diabolico!

Ma il problema è molto più profondo e richiede di esaminare almeno due conseguenze estremamente nefaste di questo assurdo sistema monetario: l’incongruità tra il valore materiale e valore nominale della moneta, e l’inestinguibilità del debito pubblico.

 

1. Incongruità tra valore materiale e valore nominale

Attualmente, la materia di cui è fatto il denaro è di tipo cartaceo per le banconote e di metallo per le monete. Per come è concepito attualmente il sistema monetario, il valore del denaro non è determinato dal tipo di materiale utilizzato per il conio, ma dal valore nominale, cioè dal numero di crediti segnato sulla banconota o sulla moneta. Per esempio, una banconota vale 5 euro non per la quantità e la qualità della carta utilizzata per fabbricarla, ma per il numero “5” scritto su di essa.

In passato, invece, il valore del denaro era determinato dal materiale utilizzato per coniare le monete, solitamente oro o argento, metalli riconosciuti unanimemente come “preziosi”. La rottura del legame tra “valore materiale” e “valore nominale” del denaro è avvenuta nel 1971, con il definitivo superamento degli accordi di Bretton Woods. Operazione estremamente diabolica. Perchè?

Mettiamo che il governo italiano, per far quadrare il bilancio del 2013, abbia bisogno di 100€. Non potendolo emettere autonomamente, lo chiede in prestito alla BCE. La BCE, dopo aver chiesto per l’ennesima volta le riforme strutturali per garantire il ritorno del debito, decide di concedere il prestito di 100€ all’Italia, con un aggravio di interesse pari al 2%.

La BCE, magia delle magie, creerà dal nulla i 100€, stampandoli (così come avrebbe potuto fare il governo). Per stampare la banconota da 100€, la BCE spenderà tra carta, inchiostro, elettricità, trasporto e manodopera circa 0,01€ (un centesimo di euro). Essendo un ente privato, ci si aspetta che la BCE venda la banconota all’Italia ad un prezzo ottenuto dalla somma del costo di produzione (0,01€), più un lecito ricarico di guadagno (un altro 0,01€, per esempio). Quindi, in un mondo logico e sano, la banconota costerebbe all’Italia 0,02€.

Invece, la BCE che fa? Ecco la diabolicità dell’operazione: la Banca Centrale Europeascriverà nelle voci in uscita del suo bilancio “100€” e non “0,01” come ci si aspetterebbe. Mentre nelle voci in entrata scriverà “102€” e non “0,02€” come sarebbe giusto. Ciò significa che i banchieri, a fronte di una banconota costata 0,01€, guadagneranno la bellezza di 101,99€. Sì, perchè l’Italia si indebiterà per il valore nominale della banconota, invece del suo valore materiale.

Infatti, a fine anno, l’Italia dovrà sborsare 102€ reali spremendo i suoi cittadini con le tasse. Questo meccanismo, in termini tecnici, si chiama “Signoraggio Bancario”, mentre in termini sociali si chiama “truffa”!

2. Inestinguibilità del debito

Oltre alla truffa appena descritta, c’è una conseguenza ancora più grave, che poi è il vero fine di tutto questo meccanismo perverso. Come detto in precedenza, i governi nazionali hanno rinunciato, grazie alla compiacenza di politici corrotti dai banchieri, alla loro sovranità monetaria, consegnandola definitivamente nelle mani dei banchieri privati. Quali sono le conseguenze di questa consegna?

Torniamo al nostro esempio. L’Italia, entro la fine del 2013, dovrà estinguere il suo debito con la BCE di 100€, più il 2% d’interesse, quindi dovrà pagare un totale di 102€. Domanda: se l’Italia non ha la facoltà di emettere autonomamente la propria moneta, da dove prenderà i 2€ in più che serviranno ad estinguere il debito?

Di fatto, si tratta di un debito inestinguibile, di un sistema fondato sul debito. E’ un debito sistematico. Questo meccanismo, in termini tecnici, si chiama “Moneta Debito”, mentre in termini sociali si chiama “Schiavitù Monetaria”, fenomeno che porta tutti noi, grazie ad un sistema legale creato ad hoc, a diventare di proprietà dei banchieri. Infatti, l’Italia per risolvere la questione ha davanti a sé tre possibilità:

  • A. Chiedere un altro prestito: per l’esercizio del 2014, l’Italia chiederà 100€ per quadrare il bilancio in corso, più 2€ per il debito del 2013. In tutto chiederà 102€ a cui aggiungere un ulteriore interesse di 2€. Totale: 104,04€. Ora, il debito inestinguibile è diventato di 4,04€. Questa è la via normale sulla quale si avvitano gli stati occidentali, incrementando esponenzialmente il cosiddetto “debito pubblico”, un debito praticamente eterno. Infatti, in questo diabolico circolo vizioso, per quanti tagli si facciamo allo stato sociale o per quanto patrimonio pubblico venga venduto, il debito pubblico è destinato ad aumentare per sempre.
  • B. Vendere proprietà pubbliche ai privati: è un pò quello che recentemente è successo alla Grecia. Ad un certo punto, la Banca Centrale decide che un paese sovrano è troppo indebitato per poter accedere all’ennesimo prestito. Così, i banchieri sollecitano lo stato debitore a trovare i soldi per rientrare del debito, vendendo parti di patrimonio pubblico. Solitamente, queste operazioni vengono acclamate dagli ignari cittadini che non sanno quale grande “pacco” si sta consumando alle loro spalle.
  • Nel momento di massima difficoltà per la Grecia, fu addirittura prospettata la possibilità che il governo ellenico vendesse pezzi di territorio, tipo qualche isola delle Cicladi, per esempio! Ciò significa che, a lungo andare, con l’aiuto di un sistema legale creato ad arte, le banche e le corporations diventeranno proprietarie di tutto, compresi i nostri territori, il nostro lavoro e le nostre vite.
  • Verrà il giorno in cui anche i governi verranno privatizzati, o commissariati. In Italia ne abbiamo avuto un assaggio con l’avvento di Mario Monti, burocrate massone e uomo delle banche (ex Goldman Sacks), che ha fatto l’ultimo danno all’Italia prima di andare via [Leggere assolutamente: Modifica dell’art. 81 della Costituzione Italiana: un altro pezzo di sovranità che se ne va].
  • C. Emettere moneta autonomamente: questa strada, benchè risulti risolutiva definitivamente, è assolutamente la più osteggiata e boicottata dai banchieri (che perderebbero il controllo totalitario del sistema economico e sociale), dai politici (i quali, o non si rendono conto del funzionamento del sistema, o fanno finta di non capire rendendosi complici dei banchieri, consolandosi con le briciole che cadono dalle loro ricche tavole) e gli economisti (formati nelle Università nelle quali le società segrete hanno creato la giusta mentalità). Se l’Italia emettesse moneta autonomamente e se la BCE non fosse mai esistita, oggi il suo debito pubblico sarebbe pari a 0,00€. [Leggi: Una bambina di 12 anni dà una lezione di economia equa ai Banchieri Illuminati].

Quale sistema ci piacerebbe?

Quando i soldati degli illuminati devono trovare un modo per difendere il sistema attuale, tendono ad usare l’argomento dell’inflazione incontrollata, secondo il quale, se uno stato emettesse moneta senza nessun limite, il denaro perderebbe di valore, poichè ce ne sarebbe talmente tanto in giro, da far aumentare i prezzi a dismisura. Questo problema è reale, ma costoro non dicono che il sistema attuale è una soluzione falsa e truffaldina, poichè la BCE e la Federal Reserve immettono indiscriminatamente denaro liquido nel sistema, non facendo altro che aumentare il debito pubblico degli stati e, di conseguenza, alimentare l’inflazione, in quanto i prezzi dei prodotti sono gravati dalle tasse che servono a rientrare nel debito. E allora, quale possibile sistema alternativo? Come trovare una soluzione reale ad un problema reale? Un sistema a “sovranità monetaria” deve basarsi su tre punti fondamentali:

  • 1) Lo stato deve emettere la moneta nel nome del Popolo Italiano. Sulla banconota dovrebbe esserci la firma del Presidente della Repubblica e la dicitura “di proprietà del portatore”. In questo modo, la banconota non viene “prestata” al cittadino, ma viene “accreditata”, cioè è sua; non è più una moneta-debito, ma una moneta-credito. Attualmente, invece, sulla banconota c’è la firma del governatore della Banca Centrale (un privato cittadino), volendo significare che quella banconota non è del cittadino, ma che gli è stata prestata dietro interesse, e che, prima o poi, dovrà ridarla al suo proprietario, cioè la banca.
  • 2) Lo stato deve emettere una quantità di moneta pari al valore del PIL, cioè a quanto prodotto dai cittadini in un anno Esempio: se lo stato fosse composto da due persone, Mario, che in un anno ha prodotto due mele, e Giorgio, che in un anno ha prodotto due pere, sarebbe necessario avere in circolo una quantità di denaro minima da consentire a Mario e a Giorgio di scambiarsi i relativi prodotti. In questo modo, il valore sarebbe attribuito al lavoro dei cittadini e non al danaro in quanto tale, che per sua natura è uno strumento di scambio. La vera ricchezza risiede nel lavoro e non nella moneta. Quest’ultima è solo un’illusione. Il paradosso che ci troviamo a vivere è assurdo, in quanto ci troviamo magazzini e negozi pieni zeppi di prodotti che, però, non possiamo scambiarci per scarsità di moneta, cioè dello strumento di scambio. Naturalmente si tratta di una scarsità studiata a tavolino, con l’intento di indebitare sempre più i governi e porre il valore sulla moneta e non sul lavoro.
  • 3) La tassazione statale non deve servire a finanziare i servizi pubblici, ma a regolare la quantità di moneta, in base a quanto si è prodotto in un anno. Naturalmente, questo tipo di tassazione non mette al riparo dall’ingiustizia sociale, in quanto rimarrebbe nella sensibilità delle singole forze politiche promuovere una vera progressività fiscale, secondo la quale chi guadagna di più partecipa in misura maggiore alla stabilità del sistema rispetto a chi guadagna meno.

 

Riusciremo mai a vedere una cosa del genere? Non posso e non voglio escluderlo! Non possiamo arrenderci a diventare proprietà di un manipolo di manigoldi che non hanno nessun altra capacità umana se non quella del raggiro, dell’avidità e dell’individualismo bieco.Non a caso, per rendere ancora più invasivo il sistema economico, uno dei prossimi progetti di questi “illuminati” è la riduzione progressiva dell’uso del denaro contante, rispetto ad un’espansione del denaro elettronico, così da poter risparmiare anche quel centesimo per stampare una banconota e controllare sempre di più la vita dei cittadini occidentali.